Product thumbnail with Bootstrap

product thumbnail

 

 

WORKING EXAMPLE

Cronistoria di un disastro targato Lenovo

Lenovo Yoga 3
Ok, lo ammetto, qualche settimana fa ho acquistato un Lenovo Yoga 3 da 14″ come quello che vedi in foto. Perchè questa ammissione di colpa? Cosa ci sarà di tanto scandaloso nel’acquisto di un laptop? Seguimi nella cronistoria di questo disastro targato Lenovo.

23/12/2015 Le caratteristiche andavano bene, il prezzo era ok e quindi in una “notte buia e tempestosa” ho deciso di acquistare il Lenovo Yoga 3. Avevo bisogno di due convertibili e questo era quello da battaglia in attesa di acquistare il secondo (ThinkPad X1 come prima scelta).

11/02/2016 Mentre è in uso noto che il Lenovo è completamente scarico nonostante fosse attaccato alla presa elettrica, cambio ciabatta, cambio presa, cambio stanza ma nulla, l’alimentatore è fuori uso. Contatto subito lenovo con un tweet, vengo messo in contatto con l’assistenza che spiegato quale fosse il problema provvede all’invio di un nuovo alimentatore. Resto in attesa del codice di tracciamento della spedizione

 

17/02/2015 Ancora niente pacco e niente codice di tracciamento, invio un messaggio di sollecito nello stesso thread dell’assistenza, mi aspetto una risposta a breve, sono stati molto rapidi qualche giorno prima quindi perché mai dovrebbero diventare inefficienti?

19/02/2015 Nessuna risposta  da parte dell’assistenza Lenovo al sollecito . . . tanto vale inviarne un altro giusto?

22/02/2015 Non sono più tranquillo come prima . . . ancora NIENTEEEEEEE. Passo al telefono e parlo (numero a pagamento) con qualcuno che mi promette un codice di tracciamento in giornata, avranno avuto dei ritardi al magazzino ma in fin dei conti è tutto ok. Tutto ok un corno, io sono senza laptop!

26/02/2015 I giorni passano ma niente alimentatore e niente tracciamento, ricomincio di nuovo con il numero a pagamento dell’assistenza, stessa trafila, stessa promessa, zero risultati. L’alimentatore originale costa 100€ quindi . . . abbiamo fatto 30 facciamo 31 . . . aspettiamo qualche altro giorno.

07/03/2015 Decine di chiamate, conosco oramai per nome tutti i ragazzi del supporto clienti Lenovo. Altra chiamata ma questa volta dopo qualche ora il codice di tracciamento arriva davvero . . . festeggiamo, in settimana torniamo operativi!

10/03/2016 OK, possiamo rimettere il tappo allo spumante (che tanto era anche finito). Bartolini arriva davvero, ma sorpresa delle sorprese aprendo la busta mi accorgo che c’è solo un cavetto, quello che vedi in basso. NOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOO. Nella richiesta ero stato chiarissimo, il ticket del supporto parla di alimentatore guasto, non di cavo, e poi come fa un cavo a guastarsi accidentalmente!

Cavo Alimentatore Lenovo Yoga 3
CONCLUSIONE: L’alimentatore da 100€ non lo compro, perché è caro e perché non mi piace essere preso in giro e sprecare denaro inutilmente. Quando i nervi lo permetteranno mi riattaccherò al telefono (il numero resta a pagamento) per chiedere spiegazioni, e attenderò i mesi necessari ad avere l’alimentatore, nel mentre cerco un convertibile nuovo (no, non il ThinkPad X1 perchè non ho più coraggio di comprare Lenovo).

 

MORALE #1: Lo scrivo qui per non dimenticarlo: GIOELE, NON COMPRARE MAI PIU’ LENOVO, SCORDA IBM E I THINKPAD, NON ESISTONO PIU’

MORALE #2: Quale sarà il prossimo laptop? Cerco un convertibile leggero e performante che non abbia lo schermo delle dimensioni di un francobollo (niente 11 pollici e t similia). Sono aperto a suggerimenti e consigli, cosa ne pensate?

 

 

—————

AGGIORNAMENTO 11/03/2016 Nuova chiamata dall’assistenza Lenovo, una ragazza ben gentile (che ha anche letto questo articolo) mi informa che cavo e alimentatore partono da due magazzini diversi. Oggi il famigerato alimentatore dovrebbe partire alla volta di casa mia tramite corriere Bartolini. C’è qualche barlime di speranza? Dopo oltre un mese la prossima settimana riuscirò ad alimentare il mio Yoga 3? Ai poster l’ardua sentenza.

 

—————

AGGIORNAMENTO 16/03/2016 Sono passati 35 giorni e dopo mail telefonate e post finalmente il mio Yoga torna a funzionare. Dall’acquisto è stato usato solo qualche settimana, e poi il guasto, quindi è ancora in “rodaggio”. Nell’attesa naturalmente ho dovuto comprare un altro laptop (ho scelto un HP) e ho perso la fiducia verso il brand che mi ha fatto venire la scimmia per il ThinkPad X1. Credo proprio che non lo proverò, ho paura di spendere più di 2200€ per poi trovarmi di nuovo con un costoso fermacarte sulla scrivania.

Responsive embed con Bootstrap

responsive embed
Bootstrap 3 rende semplicissimo l’inserimento di un video in un layout responsive.  Il codice da scrivere per un elemento responsive embed è ridotto, serve solo aggiungere 2 classi al contenitore dove inseriremo il codice fornito da YouTube o qualsiasi altro elemento da rendere responsive.

L’unica accortezza necessaria è scegliere la classe corretta a seconda dell’aspect-ratio del video.
Questo è il codice necessario per un video in 16:9

 

Questo invece è il codice per un video in 4:3

 

Il codice funziona quando il contenitore include uno tra questi elementi:

  • <iframe class=”embed-responsive-item”>
  • <embed class=”embed-responsive-item”>
  • <video class=”embed-responsive-item”>
  • <object class=”embed-responsive-item”>

 

 

Per vedere bootstrap all’opera qui trovi il codice funzionante su jsfiddle con un video di prova, basta cambiare la dimensione della finestra e il video si adatterà in automatico senza perdere le proporzioni originali.

New Design

Nuova GUI e nuovi contenuti qui su promezio.it che diventerà in misura sempre maggiore il perno dei miei progetti e dei miei esperimenti. Oltre alla nuova web app per l’associazione no-profit [ terrah ] sono a lavoro sulla versione 2.0 si SPT e all’alpha di SecureBox.

SPT diventerà molto più leggera e libera da dipendenze esterne. Non funzionerà più solo su progetti AngularJS ma su qualsiasi web app, senza dipendere da librerie di terze parti. L’elaborazione rimarrà sempre client-side, JavaScript puro.

SecureBox è a un buon punto dello sviluppo, esiste già una versione  funzionante ma acerba. Essendo un applicazione critica è diventato riscrivere diversi moduli per renderli più robusti e aumentare il livello di sicurezza, ma ci stiamo lavorando.

Ci sara ancora qualcos’altro di nuovo, scrivo altro codice e anche qualche testo,  ma questo è quanto al momento è di pubblico dominio. Nel mentre qui avrai molto da leggere, puoi seguire promezio tramite l’antiquato RSS o con Facebook e Twitter.

 

 

[JavaScript] Switch is the evil

 

[JavaScript] Function with default parameter

 

[JavaScript] Spread operator

 

[JavaScript] Page visibility

 

[PHP] Image resizing function

 

[CSS] Circular images